Non abbiate paura

Come assaporare questo amore, come toccare oggi con mano la misericordia di Gesù? Ce lo suggerisce ancora il Vangelo, quando sottolinea che la sera stessa di Pasqua (cfr v. 19), cioè appena risorto, Gesù, per prima cosa, dona lo Spirito per perdonare i peccati. Per sperimentare l’amore bisogna passare da lì: lasciarsi perdonare. Lasciarsi perdonare. Domando a me e a ognuno di voi: io mi lascio perdonare? Per sperimentare quell’amore, bisogna passare da lì. Io mi lascio perdonare? “Ma, Padre, andare a confessarsi sembra difficile…”. Di fronte a Dio, siamo tentati di fare come i discepoli nel Vangelo: barricarci a porte chiuse. Essi lo facevano per timore e noi pure abbiamo timore, vergogna di aprirci e dire i peccati. Che il Signore ci dia la grazia di comprendere la vergogna, di vederla non come una porta chiusa, ma come il primo passo dell’incontro. Quando proviamo vergogna, dobbiamo essere grati: vuol dire che non accettiamo il male, e questo è buono. La vergogna è un invito segreto dell’anima che ha bisogno del Signore per vincere il male. Il dramma è quando non ci si vergogna più di niente. Non abbiamo paura di provare vergogna! E passiamo dalla vergogna al perdono! Non abbiate paura di vergognarvi! Non abbiate paura.

Papa Francesco, Omelia della Messa della II Domenica di Pasqua

Auguri di Buona Pasqua

Marta e Maria compie 10 anni

10 anni

Grazie a tutti voi che seguite il sito,

che capitate qui per caso,

che credete in "martaemaria"!

Giovanna

Cuore sta in ascolto

Carissimi giovani, avete incontrato questo sguardo? Avete udito questa voce? Avete sentito quest'impulso a mettervi in cammino?  Sono sicuro che, sebbene il frastuono e lo stordimento sembrino regnare nel mondo, questa chiamata continua a risuonare nel vostro animo per aprirlo alla gioia piena. (Papa Francesco, Lettera ai giovani).
Cenacolo Mariano, V.le Giovanni XXIII, 15. Borgonuovo - Sasso Marconi BO

Dal 28 aprile ore 17,30 al 1 maggio ore 9,00. Il corso è per tutti i giovani, dai 18 ai 35 anni, che desiderano approfondire la conoscenza di sé, la relazione con Dio, e che si pongono delle domande riguardo al proprio progetto di vita.

Depliant dell'iniziativa

 

Informazioni aggiuntive