Anno 2013

Ottobre 2013

Il  card. Martini riprendeva da Madeleine Delbrêl una frase che esprime il suo modo di procedere

E’ quanto sostiene p. Giacomo Costa, direttore della rivista “Aggiornamenti sociali”, nell’editoriale del numero di agosto-settembre 2013, dedicato a “L'eredità di Martini nella chiesa di papa Francesco”. (per leggere tutto vedi…)
a) Il dialogo con la Parola
Martini stesso riprende da Madeleine Delbrêl, assistente sociale e mistica francese (1904-1964), una frase che esprime il suo modo di procedere: «Gli avvenimenti non possono essere per noi segno della volontà di Dio altrimenti che mettendoli in collegamento con la parola di Dio, che mettendola in essi. Essa rivela allora la volontà di Dio che deve essere fatta nella pasta stessa di tali avvenimenti» (cit. in Martini C. M., Non è giustizia. La colpa, il carcere e la Parola di Dio, Mondadori, Milano 2003, 156). Con questa citazione Martini sottolinea il mutismo di fatti ed eventi, che non sono mai immediatamente autosignificanti, cioè non esplicitano da soli il proprio significato: accadono e basta, e sono fondamentalmente ambigui, in quanto di ciascuno possono essere date interpretazioni diverse.
C’è un modo per farne emergere il significato: «se colleghiamo gli avvenimenti con la parola di Dio» – dice Martini commentando Delbrêl – «o se mettiamo in essi la parola, questa parola può rivelarci la volontà di Dio. Non per qualche divinazione o apertura a caso della Scrittura – come alcuni fanno –, ma mettendoci in preghiera profonda e confrontando incessantemente l’agire di Dio e le sue costanti nella Bibbia con ciò che emerge dall’evento che ci interpella» (ivi).

Leggi l'intero editoriale: L'eredità di Martini nella chiesa di papa Francesco

 

«Per il cuore non credente, la bontà ha il gusto sconosciuto di Dio, e sensibilizza al suo incontro» (M. Delbrêl). La forza evangelizzante della bontà.

In un articolo dedicato a Mons. Paul Schruers, Vescovo emerito di Hasselt, parlando della fedeltà creativa necessaria per evangelizzare nel cambiamento di paradigma storico e culturale in atto, viene citata Madeleine Delbrêl, “che a giusto titolo viene considerata una delle mistiche cristiane più interessanti degli ultimi tempi”. Si riconosce che Madeleine aveva anticipato da alcuni decenni la coscienza della forza evangelizzante della bontà: «Niente al mondo ci darà la bontà del Cristo se non il Cristo stesso. Niente al mondo ci darà l’accesso al cuore del nostro prossimo se non il fatto di aver dato a Cristo l’accesso al cuore nostro ... La bontà del cuore che dal Cristo proviene, e che lui ci dà, è per il cuore non credente un presentimento di Dio stesso. Essa ha, per il cuore non credente, il gusto sconosciuto di Dio, e sensibilizza al suo incontro. È per il non credente inconsueta, legata a quell’inconsueto assoluto che è per lui Dio. Essa sveglia, interroga le forze assopite del suo cuore, forze a lui sconosciute, delle quali costata in sé la realtà vivente. Essa simpatizza con quello che, nel cuore del non credente, è il punto al tempo stesso più solitario e più atto a voltarsi, interiormente, segretamente, verso Dio come un possibile»  (per leggere tutto vedere l'articolo su Missione Redemptor Hominis)
 

 Agosto 2013

Santo Padre Francesco! Le pennellate di Madeleine Delbrêl su Papa Giovanni si attagliano alla vostra persona (Mons. Loris Capovilla)

Mons. Loris Capovilla, in occasione del cinquantesimo della morte di Giovanni XXII, ha paragonato Giovanni XXIII a Papa Francesco, e rivolgendosi a quest’ultimo ha scritto: «Santo Padre Francesco! Le pennellate di Madeleine Delbrêl sul vostro quinto predecessore si attagliano alla vostra persona, al vostro intuito di Pastore. Ci chiamate per nome, ci parlate, ci prendete per mano e ci accompagnate alla scuola materna. Grazie
Mons. Francesco Loris Capovilla (per leggere tutto il testo tutto il testo e continuare)


Card. Bagnasco ai giovani a Rio: «Credere è parlare. Si tratta di un evento che è in corso» (M.Delbrêl)

Madeleine Delbrêl è il testimone più citato – ben 4 volte - dal card. Angelo Bagnasco, presidente della CEI, nella catechesi tenuta ai giovani italiani a Rio de Janeiro (per leggere tutto il testo e continuare….).

 


 Mons. Castoro: Un risveglio di missionarietà alla scuola di Madeleine Delbrêl.?

Mons. Michele Castoro, arcivescovo della Diocesi di Manfredonia - Vieste - San Giovanni Rotondo nella celebrazione di APERTURA dell'ANNO della FEDE, invita a un risveglio di missionari età, citando Madeleine Delbrêl: "Le comunità umane attendevano i loro apostoli: quegli apostoli eravamo noi e invece noi abbiamo pensato che potessero essere altri. Il cristiano oggi o è missionario o è di-missionario.

Leggi il testo dal sito della diocesi di Manfredonia

Maggio 2013

La Fraternità Anania Azaria e Misaele di Varese sceglie Madeleine Delbrêl come “sorella maggiore”

La fraternità Anania Azaria e Misaele, nata nel 2012,  è un luogo di relazioni in cui giovani dai 18 anni possono trovare risorse ed occasioni per continuare a vivere la loro fede all'interno delle comunità cristiane in cui sono inseriti. Le risorse fondamentali per restare sono l'ascolto della Parola di Dio e la cura di rapporti fraterni.
La fraternità non è un gruppo, non è un movimento o un'associazione, non ha una casa sua, ma si comprende come un luogo aperto a chiunque voglia passare, a servizio della Chiesa lì dove essa chiede di stare.
La fraternità custodisce la passione per andare ad evangelizzare i nostri coetanei: è il desiderio di condividere la gioia di una vita risorta.
La fraternità è segno per il mondo e per la Chiesa che è possibile vivere oggi rapporti fraterni con chiunque, così come il Vangelo ci offre la grazia di fare.
Ciascuno nel proprio cammino non può essere da solo... Ci sono fratelli e sorelle che camminano al nostro fianco e altri fratelli e sorelle che hanno già percorso le nostre strade, che le conoscono meglio di noi e vi camminano con passo più spedito e più leggero. Sono figure di santi, di uomini e donne spirituali che vogliamo considerare nostri fratelli e sorelle maggiori.
Sezione del sito dedicata a Madeleine

Madeleine annoverata tra i maestri dello Spirito
Il 31 gennaio 2013 don Adriano Bianchi ha presentato a Radio Voce Brescia: Madeleine Delbrêl come uno dei maestri dello Spirito. Ascolta in podcast
 
Madeleine e la FEDE nel quotidiano
Sabato 20 aprile 2013 ore 21 nell’Anno della Fede, la parrocchia di San Protaso di Milano ha proposto un incontro alle coppie della parrocchia dedicato a "La fede nel quotidiano: Madeleine Delbrêl"

Radicalità evangelica e testimonianza missionaria
Riflessioni sui testi di MADELEINE DELBRÊL. Relazione di Anna Maria Berta tenuta a Roma alla Assemblea elettiva della Conferenza Italiana degli Istituti Secolari - CIIS - domenica 12 maggio 2013

 

Febbraio 2013

ANNO DELLA FEDE: testimonianza di Madeleine Delbrêl, enunciazione Card. G. Ravasi

Frammento di un video del Card. Ravasi su Madeleine Delbrêl


 



Informazioni aggiuntive